line_gbg68.gif (1697 bytes)

 
Other Maps
Cartography
line_gbg68.gif (1697 bytes)

Regions of Europe in 1995

(Istria is # 78)

Map (extract) source:

  • Za Europu Regija / Per l'Europa delle Regioni. 1985-1995. A.E.R. Member Regions / Regije Clanice SER - a / Regioni membre dell'A.R.E. Courtesy of Manuela Hrvatin

ANCHE UN PEZZO D' ITALIA NELLA 'EUROREGIONE ISTRIA'

Anche un pezzo d' Italia potrebbe finire nella grande ' euroregione' che gli autonomisti dell' Istria vorrebbero costituire. Il progetto, di cui si parla da tempo, viene ora illustrato in dettaglio dalla vicepresidente della regione Istria Loredana Bogliun-Debeljuh in un articolo dell' ultimo numero della rivista di geopolitica Limes. La penisola dell' Istria dove nei secoli si sono sovrapposte popolazioni italiane, slovene e croate, con il disfacimento della Jugoslavia è stata spaccata dal confine tra Slovenia e Croazia che fino ad allora era solo teorico. Si sono aggiunte le difficoltà create in un contesto multietnico dall' emergere dei diversi nazionalismi. Nella parte dell' Istria che fa parte della repubblica di Croazia è nato tuttavia un movimento politico interetnico, la Dieta istriana, che è riuscito ad aggiudicarsi il 70 per cento dei voti e che si batte per il riconoscimento del carattere peculiare della regione, al di là di confini ed egoismi etnici. La piccola comunità italiana si riconosce nella Dieta. "Il confine politico-amministrativo tra Croazia e Slovenia - scrive la Bogliun-Debeljuh - interrompe, ostacola e pone limitazioni ad abitudini di vita e relazioni comunitarie plurisecolari". Di qui l' idea dell' autonomia all' interno dei singoli stati e poi della formazione di una ' euroregione' : "Per gli istriani - spiega l' articolo - affrontare il problema della nuova collocazione dell' Istria non più all' interno di due Stati nazionali, bensì di tre, significa promuovere un nuovo modello di regionalismo, di tipo sperimentale in Europa". La parte di territorio che potrebbe essere inserita nella ' euroregione' è quella del comune di Muggia (vedi cartina). La ' euroregione' sarebbe però solo l' ultima fase di un processo che dovrebbe vedere prima il conseguimento dell' autonomia regionale in Slovenia e Croazia, quindi un accordo internazionale tra Croazia e Slovenia per la parificazione dello status di autonomia dell' Istria. L' accordo dovrebbe sancire che i confini "rimangono immutati, ma sono puramente simbolici". I cittadini dell' Istria dovrebbero essere liberi di muoversi, stabilirsi e lavorare dove preferiscono, a piena parità di diritti (tutela sanitaria, regime fiscale, scuole, lavoro, sviluppo culturale). Non è tuttavia chiaro se questa totale parificazione dei diritti debba estendersi, dopo l' accordo sloveno-croato, anche alla ' euroregione' comprendente parte del territorio italiano. Tutta la regione, infine, dovrebbe essere smilitarizzata.

Tratto da:

  • 28 gennaio 1994, La Repubblica, sezione: Politica estera, p. 14 0 - http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1994/01/28/anche-un-pezzo-italia-nella.html

Main Menu


This page compliments of Marisa Ciceran

Created: Sunday, February 13, 2005; Last updated: Thursday, September 27, 2012
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA