line_gbg68.gif (1697 bytes)

Winter
Customs and Traditions
line_gbg68.gif (1697 bytes)
 

La fuga della sacra famiglia in Egitto

Leggenda 1

Quando che San Giusepe e la Madona i scampava cun Gesł Banbin, che i soldai de Erode no i ghe lo mazi, un giorno i xe passadi vizin una campagna, dove che i contadini arava e i seminava al frumento.

Poco pił in lą i ga incontrą un orno, che al iera un zingano. Lori no i ghe gaveva fato caso, ma lui sģ. Savendo che Erode gaveva fato mazar tuti i fioi pici, al se ga intaią che forsi podessi esser quei due che ga al picio, che se zerca. E li ga osservą ben, al caso che qualchedun che demandassi se al ga incontrą gente per quella strada.

San Giusepe e la Madona cun Gesł Banbin i xe andadi vanti, come che i gaveva destiną e al zingano anche, ma lu gaveva de far la strada inversa.

Sto zingano al camina un poco e l'incontra soldai a caval. - Ti ga visto - i ghe dumanda - un omo e una dona cun un picio in brazo, su un musseto?

Lu, pronto, al ghe rispondi de sģ, che li gaveva visti vizin una campagna che i contadini arava e seminava al frumento.

Alora sti soldai a caval ghe ga dumandą se al ghe lassi al piazer de cumpagnarli, fina sta campagna. E al zingano se ga messo cun lori su un caval e li cumpagnava. I xe rivai fina quela campagna, che al zingano conosseva ben. Ma, inveze de esser pena arada, i cuntadini za i sesulava, chč al furmento iera maduro.

Sto zingano no saveva pił cossa dir: Sti soldai furenti, i ghe ga dumandą ai contadini se i ga visto cussģ e cussģ, un orno e una dona con un picio in brazo, sora de un musseto, passar de lą e quando, e se i savessi dirghe dove che i andava. Lori ga risposto sģ, che i gaveva visto gente proprio cussģ, cun un picio e un musseto, ma ancora l'altro ano, quando che i arava per seminar al furmento e che, come i vedi, i xe za che i lo sesola, che chissą dove lori i sarą rivadi dopo tanto tenpo.

Alora i nemizi del Banbin Gesł no i xe andadi pił vanti, calcolando che no i lo gavaria podł trovar; dopo tanti mesi. Inveze San Giusepe e la Madona i iera cun lui, poco lontan, che quei omini, corendo sul caval, i li gavaria podł ciapar fazile.

Dio gaveva fato al miracolo che al furmento, pena seminą, al cressi e al se maduri de un giorno a l'altro. Per questo i zingani no ga mai pase, co i sta un pochi de giorni in un logo, i va subito via, in un altro.

Leggenda 2

La Madona e San Giusepe, quando che i scampava in Egito col Bambin Gesł, per passar la note, i xe andadi intun campo de favete, un poco fora de man, lontan de la stradareia. Sul pił bel che i dormiva, iera note fonda, tutintłn un forte sussuro ga sveiado la Madona, che la tremava de paura. Ghe pareva, sul momento, che lussi rivadi i manigoldi de Erode per mazarghe Gesł Bambin.

Inveze cossa iera? Se gaveva alzą un poco de vento che '1 ga scominzią a scorlar e sbater le teghe de le favete, fazendo un grando sussuro. La Madona alora, tuta rabiada, la ga maledido lafaveta, che, ne cruda ne cota, no la insaziassi mai pił nissun e che lafussi sempre amara. E cussģ xe: co la faveta, sempre amara, no se insazia mai nissun.

Tratto da:

  • Giuseppe Radole, Folclore Istriano, MGS Press (Trieste, 1997),  p. 75-6.

Main Menu


Created: Monday, January 19, 2004; Last updated: Sunday, December 06, 2015
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA