Carpinteri and Faraguna
Short Stories and Humor


 

I santi innocenti

In cui si racconta di quando i vecchi d'oggi erano bambini e, in tempo di Natale, festeggiavano il Bambino Gesù, o nella Contea Principesca di Gorizia e Gradisca, o nel Margraviato d'Istria con le isole di Veglia, Cherso e Lussino, o nella Città di Trieste col suo Territorio.

Una volta, siora Nina, a scola, co' mi andavo a scola, ma anche dopo, soto l'Austria, bisognava imparar tuto a memoria...

— Le poesie, intendè, sior Bortolo? Mi ancora so tante che i ne ga imparà a scola soto l'Austria. Ogi inveze no i ghe impara più gnente...

— Gnanca la creanza, siora Nina. Noi, inveze, dovevimo impararse a memoria, no parlemo le poesie, ma squasi tuto. Presempio, guai no saver cola maestra Morato quela del Litorale Austriaco...

— Quala del Litorale Austriaco?

— Quela po': «Il Litorale Austriaco si compone della Contea Principesca di Gorizia e Gradisca, del Margraviato d'Istria con le isole di Veglia, Cherso e Lussino e della città di Trieste col suo Territorio».

— Ah, sì, me ricordo: «e la Città di Trieste col suo Territorio», me ricordo.

— Eh, tanti se ricorda, ma no serve. Ma de fioi iera cativo tignir tuto in a mente. Perché, presempio, anche a catechismo, Don Blas, per Nadal ghe fazeva imparar ai fioi quela de Nadal.

— Quala, quela?

— La poesia de Nadal: «Ogi Egli è nato ad Èfrata, vaticinato ostelo, ascese un'alma Vergine la gloria d'Israèlo...» che po' 'sti poveri fioi no capiva una madona. Oh Dio, i capiva solo che l'alma Vergine iera la Madona. E po', sempre per Nadal sicome che qua iera quela che, subito dopo Nadal, per la Festa dei Santi Innocenti, vigniva el Vescovo de Òssero per benedir i fioi, Don Blas pretendeva che 'sti poveri fioi ghe savessi a memoria come el Padrenostro, quela dele Suffraganee...

— Sufraganee? Sarìa stà come le litànie?

— Iera sì una litània: iera quela de come che iera regoladi i loghi del Litorale Austriaco, Vescovà per Vescovà. Il Litorale Austriaco di Sua Maestà Apostolica si compone: della Diocesi Metropolitana del Principe Arcivescovo di Gorizia e Gradisca, delle Diocesi suffraganee di Trieste e Capodistria, nonché delle Suffraganee di Pola e Parenzo, Pédena e Òssero». Cussì bisognava saver, come el Padrenostro, visto che per i Santi Innocenti, vintioto dicembre, vigniva qua el Vescovo de Òssero per benedir i fioi...

— Ah, bel benedir i fioi inocenti...

— Bel sì, ma no per i fioi che doveva impararse a memoria tute 'ste litànie: Oggi egli è nato ad Efrata, il Principe Arcivescovo e le Sufraganee di Pédena e Òssero. Che me ricordo ancora che co' andavo a case del Polidrugo, Tonin Polidrugo, sentado in cusina, sul scagneto davanti del spàcher, el predicava forte tute 'ste robe col quaderneto de dotrina sui zenoci.

— Tonin Polidrugo se imparava 'ste robe?

— Sicuro che Tonin Polidrugo, ma no Tonin Polidrugo vero, che lu zà navigava con mi: Tonin Polidrugo picolo, el fio grando de Tonin Polidrugo che se ciamava anca lu Tonin, perché co' 'sta cratura xe nata, iera apena morto el padre de Tonin Polidrugo, che se ciamava anche lu Tonin...

— E, xe bel cussì, el nome del nono.

— Indiferente. Ma i fazeva assai confusion in quela famèa, tanto che al picolo Toni Polidrugo i lo ciamava Tonin picolo, per non confonderlo col padre, con Tonin Polidrugo vero, che, quela volta, ve go dito, navigava con mi. Anzi, in alora, no el navigava perché iera del Diciasete: guera, mine e silurenti in mar, e se zercava de star in tera. Massime po' quela volta che iera Nadal.

— Ah, Nadal iera?

— Nadal sì, iera presto Nadal, se ve disevo che Tonin Polidrugo picolo iera sentà sul scagneto vizin del spàcher che predicava quela del Principe Arcivescovo di Gorizia e Gradisca. Guera iera, siora Nina, e un inverno fredo genìco, che ve iera neve dapertuto, persin, pensèvese, in una Lussingrando che a Lussingrando de solito xe sempre sol. E inveze neve, fredo, crudo e, guera che iera, 'sti poveri fioi, co' i andava a scola de matina, i doveva portar con sè ognidun un legno...

— Per no sbrissar?

— Ma no per no sbrissar, per meter in stua a scola, se i voleva gaver caldo, perché dove iera carbon?

— Dove iera carbon?

— In miniera del'Arsa, mi calcolo, ma, guera che iera, nissun ne lo portava.

— Ma per Nadal, quela volta, no i serava le scole?

— Natural che per Nadal i serava le scole. Ma solo per Nadal, Vigilia de Nadal, Nadal e Seconda festa de Nadal, no come adesso che i fioi xe più a casa che a scola. E ve dirò, siora Nina, che quela volta più de un andava volentieri a scola perché là, almanco, i gaveva caldo, ognidun un legno che i portava. Ma nele case, fora che in cusina col spàcher, le altre camere ve iera jazzere come in Frogiriferi Generali de Trieste.

— E cussì Tonin Poldrugo picolo, cola scusa de andar a far le lezioni a casa dei fioi de Marco Mitis, Nicoleto e la picola Santina sua sorela, che i gaveva la stua in tinelo, el se trovava inveze in Piazza con lori. E savè per far cossa?

— Maldobrìe?

— Ma no maldobrìe! Per andar cantar i Tre Re...

— Sicuro: e chi ghe dava qualche soldin, chi zibibe, màndole e nose, e chi, massima parte, fighi suti. Che po' 'sti fioi, alzandose e butandose tuto nela traverseta dela picola Santina prima de andar via i ghe cantava «Tanti busi che ga 'sto crièl, tanti angeli ve porta in Ciel». Che se inveze qualchedun no ghe dava, ma rari no ghe dava, i ghe cantava quela che tanti ciodi che ga 'sta porta, tanti diàvuli che ve porta...

— Eh, anca questo sì tuti i fioi saveva a memoria...

— Sì, ma quel no ghe imparava sicuro Don Blas. 'Sti fioi, savè, cominziava a andar cantar i Tre Re subito dopo San Nicolò e i andava avanti fin la Vigilia de Nadal. Fin al giorno prima, perché, pretamente la Vigilia de Nadal, el picolo Tonin Polidrugo, de matina, scola che no i gaveva, e anche de dopopranzo, che no el gaveva de far lezioni, el iera sempre de intrigo per cusina, perché l'andava a vardar dentro le tece e a sbisigar in forno...

— Eh, grande zena che se fazeva una volta la Vigilia de Nadal, bisognava cominziar a pareciar zà de primo dopopranzo...

— Xe ben per quel che Tonin Polidrugo ale done in cusina ghe iera de intrigo. Che la madre ghe diseva: «Tonin, lassa star quele tece che ti se sbroverà. Co' i fioi no ga scola, xe un cruzio». E la nona: «Su, su, Tonin métite el capotich e va con Dio a zogar fora». «Andove? Che i muli no xe, che i xe tuti quanti a casa, co' no xe scola!» I xe a casa che i intriga, e i li gaverà zà butadi fora de casa come ti che ti intrighi». E insoma che el se meti el capotich, che el vadi in canonica de Don Blas, che là sarà zà tuti i altri fioi e che el seri quela porta, che fora xe crudo.»

— Eh, se iera neve...

— Sicuro, neve iera e, savè come che xe i fioi, Tonin xe andà in Domo tuto plozcando nela neve coi stivai alti, perché quela volta ai fioi se ghe meteva i stivai alti ligadi cole spighete. Ma in Domo che el xe rivà, no iera inveze nissun: iera solo impizzade le candele davanti del altar dela Madona e un silenzio, savè, siora Nina, quel silenzio che ve xe in Domo quando che no xe nissun?

— E, se no xe nissun...

— Bon, quel. E alora Tonin xe tornà fora e, per la porta de drìo, el xe andà drento in sacristia per veder se forse iera qualchedun là. Ma anche là gnente. Solo el ga visto che sula granda tavola dela sacristia iera zà pareciade, tute ben supressade, tute le cotte rosse e i rocheti bianchi dei nonzoleti per la Messa de Mezanote. Perché sol per la messa de Mezanote de Nadal e per i Santi Innocenti, Don Blas usava darghe ai nonzoleti le cotte rosse e i rocheti bianchi col merlo.

— Me ricordo, me ricordo! Che bei merli che fazeva per il Domo le Mùnighe del Squero!

— Belissimi, tuti a man, man de oro le gaveva. Tanto che Tonin, a veder là pareciade 'ste cotte rosse e i rocheti bianchi coi merli, el se ga subito invoià de vestirsi e po' tuto vardandose, vestì che el se gaveva, el xe andado in cesa per vederse che bel che el iera sui vetri de dentro dela porta de mezo che fora iera serada e che se vedeva ben come in un specio. E cussì, passando davanti del altar dela Madona, secondo el suo solito, el ga ciolto anche tre candele per andar a cantar i Tre Re e el se le ga messe in scarsela. Siora Nina, no volè che in quela salta fora de un confessional Don Blas che stava confessando una vecia?

— Che vecia, che vecia?

— Indiferente che vecia. Una de quele che le va sempre a confessarse, de dopopranzo co' no xe gente. Capirè: con 'sto silenzio che iera in cesa — che il più grande rumore è il silenzio, diseva sempre l'avocato Miagòstovich — Don Blas el ga sentì 'sti passi de Tonin che andava plozcando coi stivai per la cesa e come che el stava per dirgher: «Fòrbite quei stivai, Tonin, che la Tona ga apena lustrà el saliso!» el lo ga visto che el meteva in scarsela le candele.

— Mama mia, e el se ga rabiado?

— Rabiado? El ghe ga corso drìo zigandoghe: «Malignazo mulo che te me sporchi el saliso dela cesa e che te xe ti quel, alora, che roba le candele!» Per tuto el Domo el ghe ga corso drìo, ma Tonin ga ciapà la porta, e vestido cussì come che el iera, in cotta rossa e rocheto bianco col merlo, el xe scampà corendo e sbrissando per 'ste contrade piene de neve — che inveze Don Blas ga dovesto fermarse — e via lu per calli e per scale fina in Rovenska. E proprio là, Rovenska, siora Nina, ve iera tuta la mularìa de Lussingrando che se tirava bale de neve davanti dela Vila.

— Davanti dela vila, che vila questa?

— Come, che vila? La Vila, la Vila de Rovenska, quela che ve xe ancora, che i ga fato Ospizio. Ma quela volta la ve iera del Arciduca Carlo Stefano, che el stava sempre a Lussingrando e — guera che iera — el stava noma che ben in 'sta Vila, perché logo più sicuro. Anzi, proprio perché iera logo più sicuro, guera che iera, de Viena i gaveva mandà a star in 'sta Vila anca Maria Gisèla e Oto, crature...

— Oto crature con Maria Gisela?

— Ma no, siora Nina, cossa me ciolè via? Che savè anche vù. Otto, che iera ancora cratura, ve iera el fio de Carlo, del Imperator Carlo e el iera Erede al Trono dela Duplice. E Maria Gisela iera la sorela. 

— Ah, Maria Gisela, la sorela, cratua anca ela? E i stava là in Vila Rovenska?

— No sempre, perché de solito i vigniva solo de istà, ma guera che iera, quel anno i li gaveva mandadi anca per Nadal. E insoma, dovè saver che quel dopopranzo 'ste dò crature, Maria Gisela e Oto, se noiava anche lori, e i stava col viso fracado sui vetri de una finestra dela Vila a veder tuta 'sta mularia de Lussingrando che se tirava ridendo a zigando bale de neve. Po', co' xe rivà Tonin Polidrugo con 'ta sua cotta rossa e el rocheto bianco col merlo, iera tuti che se lo mostrava col dèo e ghe tirava bale burlandolo.

— Eh, la neve fa alegria, massime ai fioi...

— Sicuro e a veder tuta 'sta alegria, 'sto Oto e 'sta Maria Gisela, fioi che i iera, i se ga ingolosido, come, che 'sti qua zogava e, profitando che nessun li tendeva perché, Vigilia de Nadal, podè capir, anche in Vila, mi calcolo, iera tuti zò in cusina che pareciava, i xe andadi zò anche lori in strada e po', corendose drìo, i ga cominzià anche lori a tirar bale de neve, come tuti i altri. Fina che una bala de neve ga ciapà un feral e lo ga roto.

— Jessus! Oto questo che ga roto?

— Chi pol dir chi? Xe andà roto un feral. E guai, siora Nina, romper un feral soto l'Austria. Rivava subito el gendarmo. Difati, savè chi che ve xe rivà? El gendarmo Rimbaldo, che el iera zà in montura alta per la Messa de Mezanote e tuti muli xe scampai via fazendo bacan, fora che Tonin Polidrugo, che se gaveva intopà nela cotta e Oto e Maria Gisela che iera restadi là a vardarlo.

— El se gaveva fato mal?

— Maché, i fioi co' casca no se fa mai mal. I lo vardava, strano che ghe faceva 'sto putel con 'sta cotta rossa sulla neve e el rocheto col merlo.

«Vergognèvese! — ghe ga zigà el gendarmo Rimbaldo — vergognèvese che gavè roto el feral!» E po' cossa che i fa a 'sta ora per le strade, che zà comincia a far scuro e chi che i xe e come che i se ciama. E Oto, subito, con un bel sestin, ghe ga dito: «Otto, Ottone d'Absburgo, Arciduca Ereditario d'Austria Ungheria». E Maria Gisela, fazendoghe una bela riverenza, come che usave le putele de famèa, che la xe Maria Gisella d'Absburgo, Arciduchessa d'Austra-Este.

— Ah, i se ga palesà?

— Cossa palesà? I ga dito come che i se ciamava. E el gendarmo Rimbaldo, stranido come, verdando Tonin Polidrugo cola cotta rossa e el rocheto bianco col merlo, ghe ga dimandà: «E ti, chi te xe ti?» «Ah mi — ghe ga dito Tonin Polidrugo — me son el Principe Arcivescovo di Gorizia e Gradisca!» 

— E ciapando per man Oto e Maria Gisela el xe corso via con lori zò per la riva, intando che il gendarmo Rimbaldo li vardava scampar, saltando, sbrissando e ridendo tuti tre. E po' tuti tre xe andadi a cantar i Tre Re de casa in casa, cole candele de Tonin Polidrugo impizzade. E la gente, savè — sera dela Vigilia che iera — ghe dava. Qualche soldin, zibibe, màndole, nose e, massime, fighi suti.  

— Povero Oto: xe stado l'unica volta in vita sua che el ga fato el Re.

Tratto da:

  • Carpinteri & Faraguna, Viva L'A., La Cittadella, (Trieste, 1983), Maldobria XXXIII, "I santi innocenti", p. 281-288.

Main Menu


This page compliments of Marisa Ciceran

Created: Wednesday, December 03, 2003; Last Updated: Sunday, October 30, 2011
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA