Carpinteri and Faraguna
Short Stories and Humor

 

San Nicolò, San Nicolò

Nella quale si narra come, nelle nostre Vecchie Province, ci fossero due maniere di allietare il 6 dicembre dei bambini: o con un San Nicolò invisibile che depositava i suoi doni sul davanzale, o con un San Nicolò visibilissimo, in paramenti episcopali, che li onorava nel giorno a lui consacrato d'una sorprendente visita personale.

Una volta, prima dela Prima guera intendo, ve iera grandi miserie, ma anca grandi richezze. Ogi inveze tuti pianze miseria, ma dove mai, ogi, per le feste, la gente se contentassi de far come che se usava una volta? Perché, se ve ticordè, siora Nina, una volta no se usava per le feste quel che se usa ogi...

— Prima dela Prima guera?

— Prima, durante e dopo. Metemo dir ai fioi: per Nadal, ai fioi dò grafioi, ma regalo, propio regalo, se ghe fazeva solo che per San Nicolò e se iera fora del pensier. Inveze adesso i pretende e per San Nicolò e per Nadal,e per el Novo del'Anno, e per i Tre Re, se basta. E no solo che i fioi. Anca i grandi pretende. Ma i fioi, una volta, solo che San Nicolò, e amen.

— Che, in alora, iera za un sacrifizio! Quanti sacrifizi che se fazeva una volta per i fioi!

— Sacrifizi per i fioi? Cossa volè: dove che xe l'inocenza xe la Providenza, come che diseva madre Conceta dele Mùnighe del Squero. Ma, passa San Nicolò, per Nadal dove se fazeva regali, una volta? Per Nadal solo che l'albero.

— L'albero de Nadal?

— No, l'albero de maestra! Sicuro che l'albero de Nadal. Che po', cossa se ghe meteva suso? Le candelete coi ciapini, fighi suti, naranze, mandarini, involtizadi in carta de argento, magari, un fìà de mandolato e buzolai. Che, co' ai fioi se ghe li lassava dispicar, quela ve iera tuta la festa.

— Eh, mandarini in carta de argento, me ricordo sì che se salvava aposta la carta de argento dele ciocolate. Adesso inveze ghe vol che per i fioi ghe sia qualcossa no solo sora ma anca soto l'albero!

— E anca per i grandi! Inveze, una volta, solo i fioi e solo per San Nicolò. Savè come che se dise, siora Nina: benedeta quel'età che se gode e no se sa. Anca se a mi me par che ogi i fioi sa anca tropo. Difati adesso no se fa più San Nicolò-San Nicolò adesso se fa solo regalo de San Nicolò.

— Come sarìa a dir che no se fa più San Nicolò-San Nicolò?

— Sarìa che xe una bela diferenza. Perché una roba xe el San Nicolò come San Nicolò, che el muleto crede che vien San Nicolò e un'altra roba xe «Ciapa qua, còcolo, che xe San Nicolò».

— Eh sì, xe vero, co' noi ierimo fioi trovavimo i regali soto del camin...

— Sì, adesso camin! Chi ga più camini? Adesso dove volé farglieli trovar? Sul bolitor?

— No, mi adesso a quei dò mii nevodi più pici ghe meto sul sburto dela finestra. Quel che xe più grando zà sa, mi calcolo, ma lui calcola che noi no savemo che lui sa.

— Ma cossa sburto e no sburto! Mi volevo contarve, ve parlo de prima dela Prima guera, quando che qua in paese se fazeva vero San Nicolò.

— I regali?

— Sicuro che i regali. Ma quela volta li portava propio San Nicolò.

— Prima dela Prima guera?

— Prima de tute le guere, siora Nina. Volevo dirve che un se vestiva proprio de San Nicolò e se ghe fazeva ai fioi, de sera, l'improvisata. Con barba, pastoral, pivial, e mitra.

— Mitra ghe go regalado anca mi una volta, de quei cola bateria che fa la falisca e anca sussuro.

— Ma che mitra, ma che bateria, ma che sussuro! La mitra, intendevo, la mitria, come che i vol ciamarghe ogi: quela che ga in testa San Nicolò. El capel de Vescovo, insoma.

— Ahn, la mitria! Come el Vescovo de Ossero in procession!

— Sicuro che la mitria come el Vescovo de Ossero in procession! Cossa gaveva de meterse el Vescovo de Ossero in procession? El basco col pirulìc? Vù dovè saver che, a nualtri co' ierimo putei, de San Nicolò ne fazeva Barba Nane. Cola barba, el pivial, el pastoral e tuto, che anzi mi son stà el primo qua, de noi fioi, che lo ga ravisado. E che dopo difati el me ga dito: «Malignazo mulo, ti de grando ti andarà drito per el mondo, solo sta atento, co' ti sarà grando, che per voler esser tropo furbo no i te cavi la matricola!» Povero Barba Nane! Me ricordo che po' co' iero zà grando, e zà navigavo, un anno, che lui zà gaveva squasi perso le gambe, una dimenica, dopo Messa granda in Domo, el me ga ciamà rente, sentado in banco che el parlava con Don Blas, e el me ga dito: «Bortolo, 'sto anno, per San Nicolò, fa ti...» E del quel anno, mi, sempre. E qualche volta anca Tonin Polidrugo.

— Ah, perche vù ve vestivi de San Nicolò?

— E come, e che ben! Che anzi, dopo che Barba Nane iera morto, Don Blas diseva che figuravo meo mi, come presenza, che lu, omo picolo che el iera. Ben, bon: dovè saver che un anno che ierimo imbarcadi sul «Jupiter» ierimo rivadi a Trieste col Comandante Brazzànovich. Sul vapor i fazeva profumi e cussì ierimo vignudi tuti qua in paese, a casa, zà per San Nicolò.

— Profumi?

— Ma sì, dài: disinfezion, disinfestazion, come che volè ciamarghe. Ma noi, veci maritimi, ghe ciamavimo profumi. E alora, una roba e l'altra, vù dovè saver che el Comandante Brazzànovich, che el se gaveva sposado zà in età, el gaveva un fio picio, Nicoleto...

— El picio Nicoleto Brazzànovich, me ricordo sì, el fio del Comandante Brazzànovich, che sua moglie iera assai più giovine de lu.

— Indiferente, adesso la xe vecia anca ela. Fato sta che durante el viagio ierimo vignudi in discorso col Comandante Brazzànovich che mi e Tonin Polidrugo usavimo far San Nicolò per le case.

— Ahn! In dò, come i Tre Re!

— Ma cossa in dò come i Tre Re? Un poco mi e un poco lu. Prima andavimo del parentà, po' de amizi, un pochi mi, un pochi lu, dopo che se gavevimo vestì dele Mùnighe.

— Ve vestivi de Mùnighe?

— Ma no, siora Nina, andavimo in Cesa dele Mùnighe del Squero e là iera Madre Conceta — ve ricordè Madre Conceta? che la ne lassava cior i paramenti per vestirse de San Nicolò. La gaveva robe splendide, che le fazeva lore, tute a man, ricamade in oro, per quando che vigniva el Vescovo de Òssero. Quela volta Òssero gaveva ancora Vescovo.

— Anche Pédena...

— Anca Pédena, ma anca Òssero. Insoma noi ghe gavevimo contà al Comandante Brazzànovich che le Mùnighe ne lassava vestirse per farghe San Nicolò ai fioi, perché, savè, dove xe l'inocenza xe la Providenza, come che diseva Madre Conceta, povera defonta. E el Comandante el dise, ci fa ci dice: «Visto che gavè 'sta ocasion, perché un de vualtri non vien anca a casa del mio Nicoleto, che el ga anca la festa, combinazion, perché el se ciama Nicolò?»

 — El picio Nicoleto Brazzànovich?

— Sicuro, Nicoleto, Nicolò. «Visto che gavè 'sta occasion — el ne dise — che un de vualtri vegni a casa mia».

— Eh, i Brazzònovich gaveva una bela casa, me la ricordo, in Punta Sant'Andrea. Dopo la guera i partigiani, prima gaveva fato colonia marina e po' i la ga butada zò per far l'albergo.

— Altro che bela casa! Gnanca a Trieste mi no go visto case compagne. De dentro intendo: tuto bel, i lampadari, tapedi de Levante, quadri a oio, proprio in pitura. Pensévese che, in camera de pranzo, iera in pitura el «Jupiter» ancora, piturado col mar in tempesta al Capo di Buona Speranza. Belissimo, cole vele e tuto, che se podeva contar i bozzei sui alberi e tuti i terzarioi: belissimo.

— El quadro?

— No solo che el quadro, tuto iera bel, siora Nina. Ma pochi ga avudo ocasion de veder quela casa de dentro. Perché, quando che el Comandante Brazzànovich navigava, la moglie e la signora Bartolina, sorela del Comandante, una puta vecia che stava con lori, no le voleva nissun a casa, fora che el parentà e la vecia Tona, natural, che ghe fazeva tuto. E co' el iera a casa lu, iera lu che no voleva nessun, perché el diseva: «Co' son a casa, de raro che son a casa, mi voio gòderme la mia pase».

— Eeh, giusto.

— Giusto? Carateri. Per dirve che pochi gaveva visto quela casa de dentro, che sempre la vecia Tona contava maravèe de 'sta casa e cussì podé capir, in curiosità che ierimo, subito mi e Polidrugo ghe gavemo dito che sì, che andaremo.

— Ma come andove? Che un de noi andarà a farghe de San Nicolò al picolo Nicoleto Brazzànovich, in casa sua de lori. Insoma, per farvela curta, la sera de San Nicolò andemo in Cesa dele Mùnighe che là in sacrestia ne iutava a vestirse Severino. Ve ricordè Severino, quel che i lo ciamava Mòmolo?

— Mòmolo dele Mùnighe! Eh, sì che me lo ricordo! Xe tanti ani che el xe morto.

— Eh, per quel xe morte anca le Mùnighe. Insoma mi gavevo el pivial rosso, quel bel, che metava sempre el Vescovo de Ossero co' el vigniva qua. E Polidrugo anche, un bel pivial rosso, solo più picolo, che iera ancora del Vescovo de prima, che iera omo picolo: quel che meteva sempre Barba Nane cp' el fazeva lu de San Nicolò, che iera proprio adatado per Barba Nane che iera anca omo picolo.

— Oh dio, omo picolo: no el iera tanto grando...

— Indiferente. Volè creder, siora Nina, che Polidrugo iera ancora più picolo de Barba Nane? Tanto che, co' el ga provado a caminar, el se intopava nel pivial e le mùnighe ga dovesto farghe soto una pieta con un soraponto. Che, anzi, Madre Conceta co' lo ga visto che i ghe fazeva la pieta la ghe ga dito: «Vù, Tonin, sé come vostro padre, picolo omo, ma grande canaia!» Un rider, 'ste mùnighe inzenociade che ghe fazeva el soraponto, che no ve digo.

— Eh, le Mùnighe del Squero gaveva man de oro per cùser!

— Ma cossa man de oro, per un soraponto! Insomma, ve contavo che mi gavevo el pivial rosso e Polidrugo anche, quel altro, cola pieta e la mitria, belissimo, cola barba tacada, fata de bombaso e, vestidi che ierimo e zà fora dela porta dele Mùnighe, disemo: «Alora chi va del Comandante?» Ma, veramente, che andassi mi, che l'andassi lu. «Ben, ghe digo, senti, femo una bela roba: prima andemo del parentà — mi dovevo andar de mio fradelo, de mio cugin Bepi defonto e lui de tuti i Polidrugo che iera una zaia de fioi che no ve digo — femo intanto el nostro solito giro, ghe digo, e dopo se trovemo de novo qua e faremo pari e dispari per chi se spoia e per chi che va del Comandante Brazzànovich».

— Perché, vù volevi andar?

— Sicuro che volevo andar, anca per poder dir in un domani de gaver visto 'sta belissima casa del Comandante Brazzànovich che tuti parlava. Ma anca Polidrugo voleva. El fazeva come che no, che no ghe interessa più che tanto, e inveze mi savevo lui assai ghe tigniva. Ghe tigniva lui de comparir col Comandante, e come! El iera, savé, zà in alora un de quei che se ràmpiga.

— E inveze volevi andar vù?

— Eh, savè, giovini che ierimo, giovinoti, el Comandante assai ne imponeva.

— Ahn! E chi xe andà?

— Spetè, spetè. Fora dele Mùnighe, mi de qua e lu de là. E mi go pensà: mi vado drito del Comandante, dopo a Polidrugo ghe conterò la storia del orso, che qua che là, che per combinazion go intivà el Comandante marinavia che el tornava de esser andado a cior spagnoleti e che el me ga dito: Vien.

— E cussì sè andado vù?

— Sicuro, e subito. Savè come che iera fata la casa dei Brazzànovich: sul davanti che dava sul mar la gaveva el balador coa scala de piera e alora mi su per la scala de piera del balador, bato sul vetro dela porta, vien fora el Comandante Brazzànovich — tuto in zito el fazeva — el me dà i regali — tuto in zito el rideva — e vado drento. E in 'sto bel saloncin, belissimo che i gaveva, iera 'sto putel: el gaverà avudo un sei ani quela volta. 

— Nicoleto?

— Sicuro: Nicoleto Brazzànovich. E el me varda con 'sti dò oci stupìdi.

— Ah, i fioi xe da magnarli, qualche volta!

— Indiferente: el me varda con 'sti oci stupìdi, ghe vado incontro e ghe digo: «Sei buono, sì, tu Nicoleto? Non fai rabiare la mama, e il papà e la zia?» che iera la signorina Bortolina.

— Che vigniva a star la sorela del Comandante, quela più vecia?

— Ela. Insoma, intanto che ghe dago i regali, se sente bater sul vetro dela porta del balador, e el Comandante dise: «Verzè, che sarà la vecia Tona che ghe go dito de andarme cior spagnoleti». I verzi e se sente da fora dir:  «Sei buono, sì, tu, Nicoleto? Non fai rabiare la mama? E il papà, e la zia?»

Insoma, volè creder, siora Nina? Ve vien drento Polidrugo, vestì de San Nicolò che el gaveva tentado de fracarmela. Picolo omo, ma granda canaia!

— Eh, ma anca vù ghe la gavevi fracada a lu! E el picio?

— Siora Nina, el picio ve iera un spetacolo: el me vardava primi a mi e dopo a Polidrugo, po' de novo a mi. 'Sti dò San Nicolò: chissà cossa che ghe lavorava in quela testa...

— Ah, che pecà! Cussì no el ga più credesto in San Nicolò?

— Come no, siora Nina? El ga credesto e come! Lu, come che ghe ga subito spiegado la zia, 'sta signorina Bortolina, sorela del Comandante, lui ga credesto che xe due San Nicolò: un grande e un picio. San Nicolò e San Nicoleto. San Nicolò per tuti e San Nicoleto solo per lu che se ciamava Nicoleto.

E de qual volta sempre dopio regalo i ga dovesto farghe per San Nicolò. Eh, siora Nina: dove che xe l'inocenza, xe la Providenza!

Tratto da:

  • Carpinteri & Faraguna, Viva L'A., La Cittadella, (Trieste, 1983), Maldobria VII, "San Nicolò, San Nicolò", p. 65-73.

Main Menu


This page compliments of Marisa Ciceran

Created: Saturday, November 29, 2003; Last Updated: Saturday, January 16, 2010
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA