Camillo De Franceschi
Istriani Illustri

Hrvatski (different text)

amillo De Franceschi, figlio di Carlo De Franceschi, deputato della comunità italiana al Parlamento di Vienna e poi segretario dell'Amministrazione provinciale d'Istria, è nato il 3 agosto 1868 a Parenzo.

storico

nato a Parenzo
1868

Studiò al Ginnasio liceo tedesco di Pisino e poi all'Accademia di commercio di Trieste, conseguendo il diploma nel 1889.

A Trieste iniziò a collaborare a giornali e riviste locali e prese parte alle attività irrendentistiche clandestine del "Circolo Garibaldi". Arrestato nel settembre 1889 con tre giovani amici, venne condannato nel febbraio dell'anno seguente a due anni di carcere duro, scontati a Gradisca d'Isonzo.

Per la stima di cui godeva nella comunità italiana venne chiamato da Attilio Hortis come collaboratore provvisorio alla Biblioteca civica di Trieste, nel 1894. Entrato poi nei ruoli, ne divenne vicedirettore e, per i molti impegni dell'Hortis, ne curò particolarmente la gestione e l'accrescimento. Essendo Hortis riparato in Italia prima dell'intervento in guerra, resse la Biblioteca dal maggio 1915 al 1918.

Nel 1929 chiese il collocamento a riposo ma assunse poi, per sollecitazione del senatore Francesco Salata a cui era fortemente legato, l'incarico di organizzare e dirigere la nuova Biblioteca provinciale dell'Istria, a Pola, istituita nel 1930 fondendo varie raccolte preesistenti. Diresse per qualche tempo anche il Museo archeologico della città.

Abbandonò l'Istria, trasferendosi a Venezia, alla conclusione della seconda guerra mondiale.

Si dedicò particolarmente agli studi di storia dell'Istria, soprattutto nel Medioevo ma anche nel periodo del Risorgimento, collaborando con la Società istriana di archeologia e storia patria, di cui il padre era stato tra i promotori e presidente e che anche Camillo presiedette per molti anni. Fu inoltre ispettore bibliografico onorario, ispettore onorario ai monumenti e membro della Deputazione di storia patria per le Venezie.

Morì a Venezia il 27 ottobre 1953.

Scheda di Giorgio de Gregori, in: Per una storia dei bibliotecari italiani del XX secolo: dizionario bio-bibliografico 1900-1990, p. 69.

Vedi anche:
  • Chi è?: dizionario degli italiani d'oggi, 4ª ed., Roma: Cenacolo, 1940, p. 313; 5ª ed., Roma: Filippo Scarano, 1948, p. 306.
  • L'Italia e gli italiani di oggi, a cura di Arturo Codignola. Genova: Il nuovo mondo, 1947, p. 274.
  • Scritti in onore di Camillo De Franceschi. Trieste: Università di Trieste, 1951 (stampa 1952). 329 p.: tav., 1 ritr. (Contiene fra l'altro: Attilio Gentile, Camillo De Franceschi, p. 7-20. Bibliografia degli scritti a stampa di Camillo De Franceschi, p. 21-34. Giuseppe Rossi-Sabatini, Camillo De Franceschi storico dell'Istria, p. 35-61).

Selected works:

  • 1898-99 - "I Castelli della Val d'Arsa. Ricerche storiche", in Atti e Memorie della Società di Archeologia e Storia Patria, Tip. Gaetano Coana, Parenzo: Vol. XIV (1898), p. 135.198, and 337-394; Vol. XV (1899), p. 152-197 and 199-264;
  • 1900 - I castelli della VaI d’Arsa. Ricerche storiche. Con documenti inediti e alberi genealogici. Tipografia di Gaetano Coana (Parenzo, 1900). Estratto dagli Atti e memorie della Società di Archeologia e Storia Patria,— in 8 º pp. 246;
  • 1906 - "Fu Dante a Pola?", Il Giornale Dandesco (Italiano);
  • 1906 - "La popolazione di Pola nel secolo XV e nei seguenti," in Archeografo Triestino Ser. 3, Bd. 3 (1906), S. 221-315;
  • 1908 - Introduction to Statuta Communis Albonae", in Archeografo Triestino, 1908, III Serie, Vol. IV (= XXXII), pag. 133-150.]
  • 1908 - "Regesti di 14 pergamene veronesi", in Archeografo Triestino Ser. 3, Bd. 4 (1908) S. 323-333;
  • 1908 - "Gride del Comune di Pola degli anni 1381-82", in Archeografo Triestino Ser. 3, Bd. 4 (1908) S. 333-342;
  • 1924-1940 - "Chartularium piranense: raccolta dei documenti medievali di Pirano (Vol. 1-2)  [Hrsg.].;0);
  • 1926 - "Mainardo conte d'Istria e le origini della contea di Pisino" in Atti e memorie della Società istriana di archeologia e storia patria Bd. 38, p. ?;
  • 1929 - Poesia e storia dell'alta Val d'Arsa, discorso tenuto al Congresso di Albona della Società Istriana di Archeologia e Storia Patria il 1° Settembre 1929 - 1929.
  • 1930 - "Testamenti polesani del secolo XV, con alcuni cenni sulle antiche casate patrizie di Pola", in Atti e memorie della Società istriana di archeologia e storia patria, Bd. 42, S. 167-219;
  • 1936 - I prim signiori de Chersano", in Atti e memorie della Società istriana di archeologia e storia patria, Bd. 48;
  • 1938 - "Esuli fiorentini della compagnia di Dante Mercanti e prestatori a Trieste e in Istria," in Archivio veneto Ser. 5, Bd. 23 (1938) S. 83-178;
  • 1938 - "Il Ramo dei Duinati de Momiano e il suo Secolo di Storia," in Atti e memorie della Società istriana di archeologia e storia patria, Bd. 50;
  • 1940 - "Il ramo dei Duinati di Momiano e il suo secolo di storia";
  • 1942 - "Quando e da chi sia stato ideato l'apocrifo istrumento di confinazione della Contea di Pisino con la data del 1325", in Archivio veneto, Ser. 5, Bd. 30/31, S. 104-111;
  • 1942 - La leggenda di San Germano, martire polese;
  • 1950 - "Delle origini di Capodistria e del suo vescovato," in Archivio veneto Ser. 5, Bd. 46/47 (1950) S. 1-15;
  • 1960 - "Gli Statuti del Comune di Pirano del 1307 confrontati quelli del 1332 e del 1358," Venezia (1960);
  • 1964 - Storia documentata della contea di Pisino [Bearb.]. - Venezia.

Tratto da:


Main Menu


This page compliments of Marisa Ciceran

Created: Tuesday, October 06, 2009; Updated Sunday, December 12, 2010
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA