Lidia Delton
Poetry


Biography (Italiano)

Poetry selection:

Al zanivoro

Me paro,
par fa l'albero de Nadal
no '1 zeiva in piasa
a cronpà al pein,
al zeiva sui comunai
a selzi al zanivoro
pioun bel,
pioun alto,
al se lo metiva in saco
par portalo a caza,
e nui fijoi
tra l' odur de le freitole
e d'i grostoli
ne ponzivino i deidi
par peicà quatro pumi
dui cuche e tre mandole
involtisade in carta
de arzento.
...ma jera festa lo stiso
parchì San Nicolò
jera zà reivà,
ma i fijoi de ancui
i no lo cognuso
i no se ponzo i deidi
sui zanivori
luri i peica le bale a culuri
sui alberi feinti
e i pioun fortounai
li cronpa in piasa.
E pour
quil odur de souchi brouzai,
de freitole e de ojo
a no se dezmentega,
e a ougni vizeija
ougni d' oun de nui lo sento.

Il ginepro

Mio padre
per fare l'albero di Natale
non andava in piazza
a comprare l'abete,
andava in campagna
a scegliere il ginepro
più bello
più alto,
lo metteva nel sacco
per portarlo a casa,
e noi ragazzi
tra l'odore delle frittelle
e dei crostoli
ci pungevamo le dita
per appendere quattro mele
due noci e tre mandorle
avvolte in carta
d'argento.
...ma era festa lo stesso
perché San Nicolò
era già arrivato,
ma i ragazzi d'oggi
non lo conoscono
non si pungono più le dita
sui ginepri
loro appendono le palline colorate
su alberi finti
e i più fortunati
li comperano in piazza.
Eppure
quell' odore di ceppi bruciati
di frittelle e di olio
non si dimentica,
e a ogni vigilia
ognuno di noi lo sente.


Letera al campanil

Gavevo de parlarte
de dirte tante robe
ma el corajo me ze sempre mancà,
ma ancui me sbotono,
me confido
... Te prego
ti che ti domini Dignan,
ti che ti 10 vardi sempro
e che ogni mitina
ti ghe daghi el bondl per preimo,
e la bona nota per ultimo,
ancui te dimando oun favur,
forsi te dimandarò masa,
mai in douti sti ani
te je sempro vardà con rispeto,
ancui che je corajo
te parlo.
La de drio,
zuta i cipresi verdi
i jo agiunto ouna crose
ze me paro,
... te prego ogni tanto varda
se ze douto a posto,
faghe compania,
e quando che de agosto sarà el sol forte,
faghe ombra,
e se de invemo sofiarà la bora,
staghe visin,
parche anche lu cumo douti i bumbari
el jo volisto vignì a riposà
a rento dela to ombra.
... Te pre go...


Pasqua

I vuvi de galeina
begnava bivili frischi;
- Zi sustansa, feja meja
­ diziva in canto,
me nona.
- Boutighe jerba,
se no ste bouzarone
ghe se strenzo
el bouz de 'l coul,
e de Pasqua chi piturarein? ­
E cumo oun ton
me nono,
de la stala ghe rispondiva:
- Menigheina,
nu disparate,
se no varein vuvi de pitourà,
magnaren brodo
de galeina veicia. ­
Par lou jera Pasqua lo stiso.

Pasqua

Le uova di gallina
bisognava berle fresche;
-Sono sostanziose, figlia mia ­
diceva cantando,
mia nonna.
- Getta loro l'erba,
se no a ste disgraziate
si chiude l'ano,
e a Pasqua che cosa coloriamo? ­
e come un tuono
mio nonno,
dalla stalla rispondeva:
- Minighina,
non disperarti,
se non avremo uova da colorare,
mangeremo brodo
fatto con gallina vecchia. ­
Per lui era Pasqua lo stesso.

Sources:
  • Daniela Milotti Bertoni, Istria - Duecento Campanili Storici / Two Hundred Historic Steeples, Bruno Fachin Editore (Trieste, 1997).
  • Lidia Delton, Sulo parole cumo testamenti, Unione Italiana - Fiume / Università Popolare di Trieste (1998). © All rights reserved.

Main Menu


This page compliments of Marisa Ciceran

Created: Tuesday, March 2, 2004; Last Updated: Saturday, August 11, 2007
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA