line_gbg70.gif (2214 bytes)

Roberto Stanich
Memories
line_gbg70.gif (2214 bytes)

L'Imprinting de l'Istria

Penso che tuti gaverè sentì parlar de "l'imprinting", quel fenomeno dela natura che se verifica per le bestie apena nate. Succedi che la prima roba che 'ste bestioline le vedi, quando che le verzi i oci, ghe resta impressa in maniera indelebile per tuta la vita. In genere, xe la mama che le vedi per prima e alora, per istinto, le se ataca e le fa tuto quel che fa la mama. Me ricordo un pochi de ani fa che i gaveva fato per television una commedia con Tino Buazzelli che el iera malà con la febre in leto e el gaveva covà un ovo de oca. Quando che iera nata 'sta picia ocheta, la pensava che Tino Buazzelli fussi la sua mama e la lo seguiva depertuto. Anche più de recente go leto che i gaveva fato nasser delle oche selvadighe, originarie dela Siberia, de una qualità assai rara e in via de estinzion e, quando che le xe nate, i ghe ga fato veder un picio roplan, in modo che le pensi che quel xe la sua mama. Dopo, con 'sto roplan i ghe ga insegnà a svolar e, ala fine, tute in ciapo, el roplan davanti e le oche de drio, i le ga menade fina in Siberia. Ma xe anche l'inprinting del posto dove che se nassi, come che ga per esempio le tartarughe de mar, che le va a far i ovi sempre in te le stesse spiagge, i salmoni che dopo esser andadi per mar i torna in tei fiumi dove che i xe nati, nudando contro corrente e fazendo salti per passar oltre le cascate. Xe un istinto assai forte e queste bestie le meti a riscio anche la vita per tornar in tel posto dove che le xe nate. Purtropo, con la "civiltà e el progresso" (per modo de dir), i posti i cambia e no i xe più come che i iera una volta. Alora capita che, per esempio, le rondinele no le torna a far el nido soto al nostro tetto perché no le se senti più come a casa. Mi go avù l'imprinting de l'Istria e de Pola.

Vardando ben, mi go vissù assai più ani in altri posti dove go affetti, lavoro, interessi. Ma el mio posto dove tornar, apena che posso, xe Pola e l'Istria. Quando che vegno in auto, mi sento subito, apena passà el confin, quando che la strada la se rampiga su per el monte sora Capodistria e, dopo, quando che scominzia la terra rossa, mi sento subito una roba drento, verzo el finestrin, respiro e sento un aria diversa. Vardo come che xe fate le case, i alberi, le campagne, i paesi, la gente e me sento a casa. Xe una roba dificile de spiegar e chi che no la prova no la pol capir. Mia moglie, i mii fioi i xe vignudi con mi una moltitudine de volte, ghe piasi l'Istria, ma no i senti quel che sento mi. Quando che se riva vizin al mar po,' quel'odor de salmastro e quella brezza che me passa tra i cavei me fa vignir i brividi.

Andando in giro per el mondo, tante volte me son trovà a far i confronti e a zercar cossa che ghe xe de simile con la mia città. Cussì, me ricordo, che a Howth, un paeseto de pescadori vizin a Dublino in Irlanda, iera un'osteria sul mar dove che andavo a magnar granzi che me pareva de esser ala Fischerhutte a Pola de inverno, perché là el clima xe più fresco. E anche un giardin publico a Tel Aviv, dove, passegiando de sera, me pareva de esser ai giardini Valeria a Pola. E de inverno, in montagna, quando che xe quel fredo suto, che te pizziga le rece e un poco de ventisel, mi sero i oci e me par che sia borin.

Questo xe "Imprinting".

Purtropo, el mondo cambia sempre più rapidamente e anche le nostre città e i nostri posti i xe soggetti a grandi cambiamenti. Le case vece le sparissi e se costruissi case nove, la città se slarga e se perdi verde e campagna, el mar, le spiage, le pinete, dove che una volta se se trovava in pochi, adesso le xe piene de gente de fora. Coi ani, i amici, le persone care e i conossenti i diventa sempre de meno e i foresti sempre de più. Xe una legge de natura inesorabile che se devi accettar ma se resta disorientai. Xe come che ghe succedi a quei delfini o anche quele balene e balenottere che ogni tanto se legi sul giornal che, per qualche ragion le perdi l'orientamento e, inveze de nudar verso el mar verto, le nuda verso tera dove che le se arena sula spiagia e le mori. No se sa perché che le se comporta cussì ma mi penso perchè le xe disperade che no le trova più la sua casa. Cussì me succedi anche a mi sempre de più me vien voia de cantar come che cantavimo quando che iero in colegio dei profughi:

Profughi siamo, figli del dolore, Sensa casa e sensa gnanca gnente..

Roberto Stanich


Main Menu


This page compliments of Roberto Stanich

Created: Saturday, March 1, 2008; Last updated: Thursday, September 27, 2012
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA