line_gbg70.gif (2214 bytes)

Roberto Stanich
Memories
line_gbg70.gif (2214 bytes)

Regali de Natal: la Fionda de fero, col manigo de oso

I dixi che quando che se diventa veci, se torna a esser fioi e, francamente, devi esser un poco vero, perché, man man che passa i ani, anca mi sento dei impulsi e fasso dele robe che solo i fioi pol far. L’ultima xe stada quela dela fionda. La xe andada cussì.

Soto Nadal, andavo in giro con mia moglie a crompar regali, che no se finissi mai… e per i fioi, e per i nipoti, e per i amici e per i visini de casa e per el diavolo e su mare, che tuti i ani xe de diventar mati e spender un casin de soldi.

Indiferente, a un certo punto semo capitai davanti ala botega de un armaiolo e, butando l’ocio in vetrina, cossa te vedo in meso ai s’ciopi, ale pistole in bela mostra? Una fionda! Una belissima fionda! No come quele che fassevimo noi de muli, col corneto de legno e i lastici de budel de bicicleta, ma una roba professionale, col corno de fero piturà de nero, manigo de osso, lastici speciali, un ogeto veramente notevole. Me xe vignù un colpo al cuor e go sentì subito forte el desiderio de gaver una roba compagna. Cussì ghe go dito a mia moglie: “per Natale regalami quella fionda”.

La me ga vardà squasi con comiserassion e po’ la me ga risposto: ”ma sei diventato matto! Cosa te ne fai di una cosa così, che poi è UN’ARMA!!! È PERICOLOSA!!! CHE ESEMPIO VUOI DARE AI BAMBINI!!!

Son sta’ sito e la xe finida cussì.

Ma, dopo un per de giorni, mi, bel pulito, son passà in negosio e me son crompà la fionda. El armaiolo me ga fato un bel pacheto e mi lo go sconto in machina.

Xe passà Nadal e mi spetavo con impasiensa che anderemo al lago, dove che go una casa, che xe tanti boschi e poderò far un per de tiri con la mia nova fionda. E finalmente semo andai e, con la scusa de far una passegiada per smaltir tuto el magnar e bever che gavevo fato durante le feste, son rivà a scampar in bosco con sta fionda.

Me pareva de esser tornà muleto quando, de scondon de mia mama, andavo a cacia de selegati e de merli e qualche volta anche de gati, che la siora Bepina che la stava visin de noi sempre la me sigava dela finestra: ”Fiol de un can de mulo, te go visto mi che ti ghe tiravi con la fionda al mio gato, povera bestia, che xe una creatura del bon Dio anche lu. Ghe contarò mi a tua mama, che la stia atenta, che ti xe su una bruta strada, che se ti continui cussì ti finirà mal!!!”

Povera siora Bepina, el gato, dopo, ge lo ga invelenà, sior Fortunato, perché el ghe andava sempre in tel suo orto a far i sui bisogni e a pisarghe sule verze.

Ricordi di un tempo che fu… ma tornemo ala nova fionda. Go ingrumà un pochi de sassi, de quei bei tondi e via mi in bosco. Go verto el pacheto e go tirà fora la fionda. Iera veramente una roba professionale e gnanca tanto facile de usar. Nela scatola ghe iera le istrussioni scrite per Inglese e anca i disegni per come che se la tien, come che se tira i lastici, come che se ciol la mira. Go studià un poco e dopo go provà a tirar. Go mirà a una piera bianca che vigniva fora de l’erba distante un venti metri, go tirà i lastici e via… el sasso xe andà a finir chissà dove, gnanca visin dela piera che gavevo mirà.

”Come xe sta roba” me son dito tra de mi ”una volta con una fionda fata in qualche modo col budel dela bicicleta, ciapavo un selegato a cinquanta metri e adesso con una fionda professionale da tiro a segno no ciapo una piera assai più grande a gnanca venti metri?”

“Cossa xe l’ocio o la man che xe cambiadi o xe la fionda che no val”

“Xe la fionda” go concluso tra de mi, savendo de contarme una grossa bala de solo.

E go ripensà a come che fassevimo le fionde noi de muli. Prima de tuto bisognava far el corneto (el manigo per i profani). El corneto doveva esser “a calice”, cioè el doveva gaver la forma de un calice, per poder mirar meo. Se andava in giro per el bosco fina che no se trovava la rama del albero giusta, se la taiava e dopo ghe se dava la forma, ligando in cima i due corni e passandoli sora el fogo per indurir el legno in posision. Po’ bisognava trovar i lastici, che iera la roba più importante. Quei fati de budel de bicicleta iera facile de trovar ma no i valeva gnente, i iera deboli e i andava ben solo per i muleti pici. Dopo ghe iera quei neri de budel de camion, ma anche quei valeva poco, perché no i iera tanto elastici, e el tiro iera fiapo. I più boni iera quei rossi, de budel de motocicleta o, ancora de più, quei verdi, che noi disevimo che iera de budel de roda de roplan, ma mi no so iera vero. Ma questi iera più dificile de trovar.

Trovadi i lastici, se fasseva la coramela, che xe dove che se meti el sasso. Come che disi la parola, la coramela xe fata de corame e se la fa ritaiandola fora de qualche scarpa vecia, ripeto vecia, e no de scarpe nove, come che go fato mi una volta, taiando via la ligueta, che intanto no la servi a gnente e, dopo, le go ciapade de mia mama. Fata la coramela, se liga tuto, preferibilmente no con spaghin, che no tien gnente, ma con quei lastichini fini e la fionda la xe fata. Ah no, dimenticavo i sassi, che devi esser bei tondi, per andar drito, ma va ben anche balini de baliniere e piombini.

Fata la fionda, poveri selegati, poveri merli, colombi anche e poveri gati! Adesso però i tempi xe cambiai, la cacia xe diventada una roba de no far, semo tuti più boni e se devi gaver rispeto per le bestie. Ma mi istesso, qualche volta, quando i gati i va in amor e i vien far casin soto la mia finestra, ghe tiro con la fionda. Ma no ghe fasso mal, perché no li ciapo. Chissà perché? De sicuro no xe l’ocio o el brasso, xe la fionda che no val!

Roberto Stanich

  • La Voce del Popolo, June 23, 2007.

Main Menu


This page compliments of Marisa Ciceran

Created: Saturday, June 23, 2007; Last updated: Saturday, June 23, 2007
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA