Amedeo Sala
Ricordi


El più bel Nadal dela mia vita

L’ultimo Nadal con tuta la famija unida el xe sta 64 anni fa a Trieste. Lo ricordo ancora come fossi ieri. L’albero iera un vero pin e l’erba del presepio iera de mus’cio che mi gavevo ciolto nei campi. Ricordo le balete colorade, i bomboni tacai col spagheto e i useleti con code de filo de vetro e coi ciapini per tacarli sui rami. Per finir l’albero el papà ghe impirava una granda stela in zima. Nel presepio ghe iera San Giusepe e Maria in ginocio vizin la cuna de Gesù Bambin riscaldà dal fià de una muca e un musso.

Momenti assai bei per tuti i omini (e fioi) de bona volontà. Meno bei per quele povere crature allevade per l’ocasion. Ricordo el contadin che mazzava el porco, tajandoghe la gola e la moje che ingrumava el sangue in una tecia de rame missiandolo così che non se ingrumassi. La donna lo gavaria insacà per far le luganighe de sangue coi pignoi. Ricordo anche le oche incoconade a forza per ingrassarle e quele povere anguile taiade in tochi, che continuava a saltar e moverse co le frizeva.

Sei mesi dopo mio padre el me xe morto de cancro. Mi gavevo sei anni e da quela volta in poi non go avudo mai più un Nadal con i mii. I me gaveva mandà in colegio a Spoleto dove go passà tutti i Nadaii. Per sete anni i iera tutti esatamente i stessi. Senza regali, senza l’amor de nissun. La sera prima della vigilia studiavimo fino l’ora de zena e poi, dopo le preghiere per el Re, el Duce e la Patria, i ne marciava ai dormitori: un baso ala Madona e bona note! La vigilia scominziava con un’altra marcia per andar in cesa a confessar quante volte gavevimo fato i ati impuri e el giorno de Nadal i ne marciava de novo a Messa e ala comunion. Dopo un’ora de ricreazion nel dopopranzo in un cortil dove rivavimo inquadrai, tre per fila, se zogava al calcio con bale solide fate de noi con tochi de carta e lastici. Quei iera i mii Nadai in Umbria. Dopo l’armistizio del’8 setembre 1943, son tornà a Zara in Dalmazia, giusto in tempo per ciaparme i bombardamenti dei "liberatori" che i ga distruto la città e la casa. Quel Nadal go soferto la fame. E via noi a scampar a Trieste, dove i tedeschi i me ga ciapà e fato scavar le trincee per fermare i soldai aleati. Quel Nadal iera ancora pezo dei altri, come po' anca quei nel campo profughi de Mantova, fino ala mia partenza per l’Australia.

Qua i Nadai i xe diferenti con la temperatura media de 40 gradi. Questo ano go fato la zena dela vigilia con i miei quatro fioi, le gnore e anca i miei sei nevodini. Dopo gaver nudado tuto el pomerigio in piscina, gavemo averto i regali e po' scominzà el zenon con tuti i ben de Dio. Ricordo anca un Nadal al’Hotel Vista de New York, dove go visto la luna nasser e tramontar tra le due gratazei. E altri ancora, ma nissun più indimenticabile di quel’ultimo trascorso con mio padre, 64 anni fa, a Trieste.

Ma forse ghe sarà un altro Nadal per mi, a Trieste, con la jota, i gnochi, el presniz e la bora che sufia indiavolada. Non se sa mai! 


In memorium:

"Oggi, 1° aprile 2002, alle ore 15.00 si è spento a Perth, Australia, Amedeo Sala.

Dalmata di origine, istriano di adozione, emigrato in Australia nel dopoguerra, dallo scavo delle fogne passò alla collaborazione al progetto "Apollo". Inventore, scrittore, innamorato della sua terra di origine, fino all'ultimo ha combattuto con lo spirito indomabile ben noto a chi lo ha conosciuto."

Roberto Talpo
(trasmesso via email)

Il 26 gennaio 2002 Amedeo scrisse:

"...Al momento sto entrando nella fase terminale del mio cancro, che però non sa che sono dalmata e lo sto combattendo fino all'ultima pallottola." (dal "Figli di Nessuno, L'opinione che non conta",

Estratto da:

  • Testo - http://www.geocities.com/CapitolHill/Senate/8955/ (last updated September 13, 2000)

Main Menu


This page compliments of Marisa Ciceran

Created: Sunday, March 31, 2002. Last updated:Sunday, December 02, 2007
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA